Luoghi

Il castello di Tomba (solo dal 1938 è Tavullia) ha le sue origini nel Medioevo, con il nome di CASTRUM TUMBAE MONTIS PILOSI. Spesso saccheggiato e travagliato da lotte fra i Montefeltro e i Malatesta, finchè con la battaglia di Monteluro del 1446, che fiaccò la potenza dei Malatesta e portò all'alleanza fra gli Sforza ed i Feltreschi, il castello di Tomba venne definitivamente assegnato a Pesaro, di cui seguì poi tutte le vicende.

Data:
03 Ottobre 2019

Oggi, salendo dall'Impietrata si attraversa la porta di ingresso al castello, sopra la quale ritroviamo i locali del Cassero, che insieme alla Torre, a gran parte delle mura, ai camminamenti e alla neviera sono stati recentemente  ricostruiti e ristrutturati.
Dalle mura è possibile godere di un panorama incantevole che spazia dal Montefeltro al mare Adriatico agli Appenini.

  • Belvedere Fogliense è in realtà l'antico castello di Montelevecchie, fatto costruire dai Malatesta, che vi portavano le "vecchie cortigiane" a riposare e a controllare la via che scendeva dal Montefeltro.
    Aveva una rocca caratteristica, che fu abbattuta nel 1885 insieme ad una parte delle mura, di cui rimangono solo disegni del Mingucci.

  • Chiesa di San Lorenzo Martire, a Tavullia, conserva al suo interno le reliquie di un martire delle catacombe, San Pio, posto in venerazione nella Chiesa già dal 1841, che viene portato in processione la prima domenica di maggio in occasione di una delle feste più importanti del circondario.Nel 1927 la chiesa viene dichiarata non agibile, tanto che nel 1930 iniziano i lavori per una ricostruzione , che fu completata nella Pasqua del 1944, ma, nell'agosto-settembre 1944 sarà quasi completamente distrutta dai bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale. La popolazione non si scoraggiò e, grazie anche ai contributi dei danni di guerra, potè vedere la nuova chiesa completata nel maggio 1947 con la sua grande cupola ed il campanile alto 35 m.
    L'opera più importante conservata in San Lorenzo è la tela raffigurante L'Ultima Cena del Signore di Nicolò da Pesaro, detto Trometta, proveniente dalla Cappella della Confraternita del SS.Sacramento della Cattedrale di Pesaro.

  • Chiesa di San Donato nella frazione di Belvedere Fogliense, recentemente ristrutturata, è situata all'interno delle mura, sulle quali è fondata la parete di ponente ed il muro del Coro. Il Battistero in pietra risale al 1578. Il campanile, ha due campane, la maggiore ad uso della comunità e la minore ad uso della chiesa. Il sotterraneo del campanile serviva da ossario, mentre il Cimitero è posto a lato della Sagrestia. All'interno della chiesa sono conservate le reliquie del Beato Ugolino delle Caminate, un eremita a cui viene attribuita la "Madonna in trono col Bambino", raro gioiello dell'arte lignea marchigiana d'età romanica, conservata in una nicchia all'interno di San Donato. 

  • Chiesa della Madonna del Monte è sulla collina denominata Montepeloso, alle porte di Tavullia, Piccola chiesa ricostruita nel 1956, custodisce al suo interno un iscrizione del 300.

  • Chiesa di San Martino, di proprietà privata, è in località Rio Salso. Al suo interno sono conservate, in attesa di restauro, alcune opere ed affreschi (che si sono in parte distaccati) che possono documentare l'importanza storica della chiesa.

  • Monumento QUOTA 204 in località Montechiaro, sulla strada che da Pozzo Alto conduce a Tavullia. Fu eretto dall'Amministrazione Comunale in memoria dei caduti della seconda guerra mondiale, perché proprio qui si svolse un episodio chiave di quel conflitto, quando le truppe alleate canadesi, tra l'agosto e il settembre 1944, sfondarono le difese tedesche costringendole alla ritirata. L'opera è stata progettata dall'Arch. Giuseppe Rombini e rappresenta una colomba della pace con attorno i simboli di guerra. Il monumento è stato inaugurato il 7 settembre 1997 alla presenza dei Ministri della Difesa italiano e canadese.

  • Sono disponibili alcune foto dei monumenti ai caduti.

 

 

Ultimo aggiornamento

Venerdi 15 Novembre 2019